Add menu

Abbonati a Sicurezza Internazionale

  • Tutti
  • Africa
    Rep. Dem. del Congo: oltre 20 persone uccise da ribelli islamisti nell’Est del Paese
    Articoli
    15 Giugno 2024

    Rep. Dem. del Congo: oltre 20 persone uccise da ribelli islamisti nell’Est del Paese

    Presunti ribelli islamisti hanno ucciso oltre 20 persone nel villaggio di Mayikengo, nel territorio di Lubero, nella provincia orientale del Nord Kivu, nella Repubblica Democratica del Congo (RDC)

    Meloni vuole presentare l’Italia come nuovo volto europeo in Africa
    Articoli
    14 Giugno 2024

    Meloni vuole presentare l’Italia come nuovo volto europeo in Africa

    L'Africa è una delle priorità dell'agenda italiana quest'anno alla riunione dei leader del G7, poiché il primo ministro, Giorgia Meloni, mira a posizionare il Paese come un hub energetico chiave tra l'Europa e il continente africano

    Libia: flussi migratori in calo in Cirenaica a causa della stretta delle forze di Haftar
    Articoli
    14 Giugno 2024

    Libia: flussi migratori in calo in Cirenaica a causa della stretta delle forze di Haftar

    A differenza della crescente crisi dei migranti nella Libia occidentale, la regione orientale della del Paese ha registrato deflussi di migranti irregolari, con l’Esercito Nazionale Libico (LNA) del generale Khalifa Haftar che sta intensificando la repressione delle reti di traffico e traffico di esseri umani

  • America Latina
    Cile chiede a Venezuela maggiore cooperazione nella lotta alla criminalità organizzata 
    Articoli
    15 Giugno 2024

    Cile chiede a Venezuela maggiore cooperazione nella lotta alla criminalità organizzata 

    Il governo del Cile ha esortato il Venezuela a compiere maggiori sforzi nella lotta contro la criminalità organizzata e ad intensificare la cooperazione con i Paesi della regione

    Brasile: Lula difende tassazione dei super-ricchi per finanziare transizione energetica
    Articoli
    14 Giugno 2024

    Brasile: Lula difende tassazione dei super-ricchi per finanziare transizione energetica

    Il presidente brasiliano, Luiz Inacio Lula da Silva, ha affermato che il mondo attualmente conta un numero record di miliardari e che, quindi, tassare i super-ricchi è il modo migliore di finanziare la transizione energetica, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo

    Venezuela: prigionieri delle carceri in sciopero della fame
    Articoli
    14 Giugno 2024

    Venezuela: prigionieri delle carceri in sciopero della fame

    I detenuti in più di 50 carceri e centri di detenzione preventiva in Venezuela hanno iniziato questa settimana uno sciopero della fame per protestare contro i ritardi procedurali e le cattive condizioni carcerarie

  • Asia
    Papa Francesco al G7: “Dignità umana deve essere al centro sviluppo IA” 
    Articoli
    15 Giugno 2024

    Papa Francesco al G7: “Dignità umana deve essere al centro sviluppo IA” 

    Papa Francesco ha chiesto ai leader mondiali di mantenere la dignità umana al centro dello sviluppo e dell'uso dell'intelligenza artificiale

    Corea del Nord critica affermazioni Consiglio di Sicurezza su violazione diritti umani
    Articoli
    15 Giugno 2024

    Corea del Nord critica affermazioni Consiglio di Sicurezza su violazione diritti umani

    La Corea del Nord ha espresso, il 14 giugno, forte malcontento riguardo alla riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC) riguardante la situazione dei diritti umani a Pyongyang

    G7 avverte Iran: “Non avanzi nell’arricchimento uranio o ci saranno ripercussioni”
    Articoli
    14 Giugno 2024

    G7 avverte Iran: “Non avanzi nell’arricchimento uranio o ci saranno ripercussioni”

    Il Gruppo dei Sette (G7) ha avvertito l'Iran di non avanzare nel suo programma di arricchimento nucleare

  • Europa
    Papa Francesco al G7: “Dignità umana deve essere al centro sviluppo IA” 
    Articoli
    15 Giugno 2024

    Papa Francesco al G7: “Dignità umana deve essere al centro sviluppo IA” 

    Papa Francesco ha chiesto ai leader mondiali di mantenere la dignità umana al centro dello sviluppo e dell'uso dell'intelligenza artificiale

    L’Italia ha finito armi e soldi: parola di Crosetto
    Commento
    15 Giugno 2024

    L’Italia ha finito armi e soldi: parola di Crosetto

    Alessandro Orsini riflette sul G7 e la risposta di Crosetto alle nuove richieste di Stoltenberg

    Putin: “Cesseremo il fuoco se Ucraina si ritirerà da 4 regioni”
    Articoli
    15 Giugno 2024

    Putin: “Cesseremo il fuoco se Ucraina si ritirerà da 4 regioni”

    Il presidente russo, Vladimir Putin, ha dichiarato che Mosca cesserebbe il fuoco e avvierebbe i colloqui di pace solo se l’Ucraina si ritirasse dalle quattro regioni rivendicate dal Cremlino

  • Medio Oriente
    Hamas: “Nessuno ha idea di quanti ostaggi siano ancora vivi”
    Articoli
    15 Giugno 2024

    Hamas: “Nessuno ha idea di quanti ostaggi siano ancora vivi”

    Nessuno ha idea di quanti dei 116 ostaggi ancora trattenuti nella Striscia di Gaza siano ancora vivi, ha dichiarato l’ufficiale senior di Hamas, Osama Hamdan

    G7 avverte Iran: “Non avanzi nell’arricchimento uranio o ci saranno ripercussioni”
    Articoli
    14 Giugno 2024

    G7 avverte Iran: “Non avanzi nell’arricchimento uranio o ci saranno ripercussioni”

    Il Gruppo dei Sette (G7) ha avvertito l'Iran di non avanzare nel suo programma di arricchimento nucleare

    Onu e gruppi umanitari chiedono a Houthi di rilasciare immediatamente operatori trattenuti
    Articoli
    14 Giugno 2024

    Onu e gruppi umanitari chiedono a Houthi di rilasciare immediatamente operatori trattenuti

    I direttori di 6 agenzie delle Nazioni Unite e 3 organizzazioni umanitarie internazionali hanno lanciato un appello congiunto per chiedere ai ribelli Houthi dello Yemen il rilascio immediato di 17 membri del loro personale

  • Oceania
    Cina-Nuova Zelanda: accordi relativi a commercio e cambiamento climatico
    Articoli
    13 Giugno 2024

    Cina-Nuova Zelanda: accordi relativi a commercio e cambiamento climatico

    La Nuova Zelanda e la Cina hanno firmato, il 13 giugno, accordi relativi al commercio e al cambiamento climatico

    Il premier cinese si recherà in visita in Australia, Nuova Zelanda e Malesia
    Articoli
    12 Giugno 2024

    Il premier cinese si recherà in visita in Australia, Nuova Zelanda e Malesia

    Il premier cinese, Li Qiang, visiterà la Nuova Zelanda, l'Australia e la Malesia a partire dal 13 giugno, stando a quanto annunciato dai rappresentanti del governo cinese

    I fatti più importanti di maggio 2024
    Approfondimento
    01 Giugno 2024

    I fatti più importanti di maggio 2024

    I fatti internazionali più importanti accaduti nel mese di maggio 2024

  • Russia
    L’Italia ha finito armi e soldi: parola di Crosetto
    Commento
    15 Giugno 2024

    L’Italia ha finito armi e soldi: parola di Crosetto

    Alessandro Orsini riflette sul G7 e la risposta di Crosetto alle nuove richieste di Stoltenberg

    Putin: “Cesseremo il fuoco se Ucraina si ritirerà da 4 regioni”
    Articoli
    15 Giugno 2024

    Putin: “Cesseremo il fuoco se Ucraina si ritirerà da 4 regioni”

    Il presidente russo, Vladimir Putin, ha dichiarato che Mosca cesserebbe il fuoco e avvierebbe i colloqui di pace solo se l’Ucraina si ritirasse dalle quattro regioni rivendicate dal Cremlino

    NATO sta adattando arsenale nucleare alle minacce alla sicurezza
    Articoli
    14 Giugno 2024

    NATO sta adattando arsenale nucleare alle minacce alla sicurezza

    In un raro riferimento all'arsenale nucleare occidentale, il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha sottolineato gli sforzi dell'alleanza per adattare le proprie capacità alle attuali minacce alla sicurezza

  • USA e Canada
  • Immigrazione
  • Commenti

Articoli

09 Febbraio 2023 08:30

Uganda: non rinnoverà il mandato dell’ufficio ONU per i diritti umani

Uganda: non rinnoverà il mandato dell’ufficio ONU per i diritti umani

L’Uganda ha dichiarato che non rinnoverà il mandato dell’ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani nel Paese dell’Africa orientale, invocando lo sviluppo di una propria capacità sufficiente a monitorare il rispetto dei diritti.

In una lettera inviata dal Ministero degli Affari Esteri ugandese all’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (OHCHR), il 3 febbraio scorso, il governo dello Stato africano ha indicato come motivo principale della sua decisione i progressi compiuti dall’Uganda nello sviluppo di una capacità interna di monitoraggio dei diritti umani. 

Come ha riportato Reuters, nel documento è stato affermato che “a questo proposito, dato il forte impegno dell’esecutivo per la promozione e la protezione dei diritti umani, la pace prevalente in tutto il Paese e la presenza di forti istituzioni nazionali per i diritti umani e di una società civile con la capacità di monitorare la promozione e la protezione dei diritti umani in tutto il Paese, il Ministero degli Affari Esteri desidera comunicare la decisione del governo di non rinnovare il mandato dell’ufficio nazionale dell’OHCHR in Uganda oltre il termine attuale”. 

Secondo l’amministrazione ugandese, la nazione ha istituzioni sufficienti e forti, così come la società civile, per monitorare la situazione dei diritti umani nel Paese. Ha poi aggiunto che “il governo continuerà a collaborare con la sede dell’OHCHR, direttamente o attraverso la sua Missione permanente a Ginevra”. In questo scenario, le prossime elezioni in Uganda si terranno nel 2026 ed è stato previsto che l’attuale presidente ugandese,Yoweri Museveni, cercherà di ottenere un altro mandato, anche se non ha ancora indicato se si candiderà. 

L’amministrazione Museveni è stata criticata negli anni dall’opposizione, dagli attivisti per i diritti umani e dai Paesi occidentali per varie violazioni dei diritti, tra cui torture, detenzioni illegali ed esecuzioni extragiudiziali di oppositori e critici. Tuttavia, i funzionari hanno negato quasi tutte le accuse e hanno affermato che “tutte le forze di sicurezza coinvolte in abusi dei diritti sono state debitamente punite”. Nel dicembre 2022, Museveni ha comunicato ad Al Jazeera che “un certo numero di arresti era dovuto ad alcuni errori nel gestire male le persone mentre venivano arrestate, ma abbiamo corretto questi sbagli”. 

Al potere dal 26 gennaio 1986, il capo di Stato ugandese è salito in carica dopo una lunga guerriglia durata sei anni, dal 6 ottobre 1980 al marzo 1986. In seguito agli emendamenti costituzionali che hanno eliminato i limiti di mandato per il presidente, ha potuto candidarsi ed è stato eletto leader nelle elezioni generali del 2011, 2016 e 2021. L’opposizione e i critici lo hanno accusato di preparare il figlio, un generale dell’esercito del Paese africano, a prendere il suo posto. Museveni ha ripetutamente negato di averlo fatto. 

In questo contesto, la guerra di Bush ugandese, nota anche come guerra Civile o di Resistenza, è stata un conflitto civile combattuto nel territorio dell’Africa orientale dal governo ufficiale dell’Uganda e dal suo braccio armato, l’Esercito di Liberazione Nazionale dell’Uganda (UNLA), contro una serie di gruppi ribelli, soprattutto l’Esercito di Resistenza Nazionale (NRA). L’ex presidente ugandese, Milton Obote, fu rovesciato con un colpo di Stato nel 1971 dal generale Idi Amin, che instaurò una dittatura militare. 

Amin fu destituito nel 1979 a seguito della guerra tra Uganda e Tanzania, ma i suoi fedelissimi diedero inizio alla guerra di Bush lanciando un’insurrezione nella regione del Nilo occidentale nel 1980. Le elezioni successive videro Obote tornare al potere in un esecutivo retto dall’UNLA. Diversi gruppi di opposizione sostennero che le elezioni erano state truccate e si unirono nel NRA sotto la guida di Museveni per iniziare una rivolta armata contro il governo il 6 febbraio 1981.

Il NRA ha conquistato Kampala, la capitale dell’Uganda, nel gennaio 1986. Successivamente istituì un nuovo governo con l’attuale presidente in carica, mentre l’UNLA si disintegrò completamente nel marzo 1986. Nonostante la fine nominale della guerra civile, numerose fazioni e milizie ribelli anti-NRA sono rimaste attive e hanno continuato a combattere il governo di Museveni nei decenni successivi.

In uno scenario di conflitto, l’ufficio dell’OHCHR in Uganda è stato istituito nel 2006 e, secondo l’amministrazione ugandese, inizialmente era autorizzato a concentrarsi solo sulle questioni relative ai diritti umani nelle aree del Nord e del Nord Est dell’Uganda, afflitte da diverse contese. In seguito, nel 2009, è stato autorizzato a coprire il resto del Paese. 

Nel febbraio 2020, il mandato dell’ufficio è stato ulteriormente ampliato per includere la creazione di un centro regionale di formazione sui diritti umani in Uganda, per fornire attività di formazione sul sistema internazionale dei diritti umani ai funzionari governativi degli Stati interessati della regione, nonché alle istituzioni nazionali per i diritti umani e alle organizzazioni della società civile. A tal riguardo, attivisti hanno condannato la decisione del governo ugandese di chiudere l’ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani del Paese, definendola “vergognosa”.

Articoli correlati

Vuoi ricevere approfondimenti e restare sempre aggiornato sulle aree geografiche di tuo interesse?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter di Sicurezza Internazionale.

    La forza di Sicurezza Internazionale

    Una redazione di esperti e un sito indipendente, costantemente aggiornato con notizie sempre verificate alla fonte e riportate in modo obiettivo.

    Scopri di più sulla redazione
    book

    Nuovi articoli ogni giorno

    Sicurezza Internazionale pubblica quotidianamente le più importanti notizie di politica internazionale.

    star

    Contenuti oggettivi

    I nostri articoli riportano sempre in modo imparziale la voce di tutti i governi del mondo.

    badge

    Fonti verificate

    I nostri contenuti sono sempre verificati alla fonte da un team di accademici specializzati.

    hat

    Una redazione di esperti

    Siamo sociologi, scienziati politici, storici, interpreti di conferenza, ricercatori e docenti universitari.

    La forza di Sicurezza Internazionale

    Una redazione di esperti e un sito indipendente, costantemente aggiornato con notizie sempre verificate alla fonte e riportate in modo obiettivo.

    book

    Nuovi articoli ogni giorno

    Sicurezza Internazionale pubblica quotidianamente le più importanti notizie di politica internazionale.

    star

    Contenuti oggettivi

    I nostri articoli riportano sempre in modo imparziale la voce di tutti i governi del mondo.

    badge

    Fonti verificate

    I nostri contenuti sono sempre verificati alla fonte da un team di accademici specializzati.

    hat

    Una redazione di esperti

    Siamo sociologi, scienziati politici, storici, interpreti di conferenza, ricercatori e docenti universitari.

    Abbonati a Sicurezza Internazionale

    Sottoscrivi un abbonamento e leggi tutti gli articoli. Disdici quando vuoi.

    Mensile

    Rinnovo automatico su base mensile

    10 / mese

    Il più conveniente

    Annuale

    Rinnovo automatico su base annuale

    80 / anno

    6,70 € al mese

    Docenti

    Rinnovo automatico su base annuale

    50 / anno

    4,17 € al mese

    Studenti

    Rinnovo automatico su base annuale

    30 / anno

    2,50 € al mese

    Forze di polizia e forze armate

    Rinnovo automatico su base annuale

    70 / anno

    5,80 € al mese

    Disoccupati e Pensionati

    Rinnovo automatico su base annuale

    30 / anno

    2,50 € al mese